Inaugurata in piazza della Resistenza l‘opera d‘arte ‘Appesa a un filo‘

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email


E stata inaugurata ufficialmente martedì 20 marzo in piazza della Resistenza l'installazione Appesa ad un filo donata dall'artista Elena Bianchini al Comune di Pistoia, sistemata nelle scorse settimane al centro della vasca di acqua.

All'iniziativa hanno partecipato il sindaco Alessandro Tomasi, l'artista Elena Bianchini e il presidente del Centro Studi Ricerche Espressive di Pistoia Carlo Vanni Menichiche ha fatto da tramite fra il Comune di Pistoia e l’artista.

Ringrazio Elena Bianchini per l’opera donata al Comune di Pistoia – ha dichiarato il sindaco Alessandro Tomasiall’inaugurazione di questa mattina – Abbiamo scelto piazza della Resistenza per dare un preciso segnale da parte dell’amministrazione, che sta lavorando su un percorso di riqualificazione dell’area fatto di azioni concrete e lontano da progetti faraonici e irrealizzabili. Questa opera è un ulteriore segno, stavolta artistico e culturale, della strada già intrapresa con la pubblicazione del bando per l’affidamento del chiosco, che come centro di aggregazione rappresenta un importante presidio di sicurezza per la piazza e per le famiglie che la frequentano. Continuiamo quindi, a piccoli passi, il lavoro intrapreso nelle scorse settimane per un parco che possa diventare sempre più sicuro e curato”.

La scultura è formata da un uovo in bronzo (85 x 55 centimetri) appeso a un filo in acciaio all'interno di una struttura di ferro a forma di piramide (2,90 x 1,90).

L'uovo è elemento centrale dell'opera di Bianchini, simbolo di vita, della Creazione (Uovo cosmico), di nascita e di rinascita. Roberta Barsanti, direttrice del museo leonardiano spiega che nell'opera di Elena Bianchini, Appesa ad un filo, la valenza mitologica dell'uovo come quella cristiana con il suo significato più immediato legato alla nascita, lascia spazio a un'inedita immagine di precarietà ed instabilità. L'opera, di grande rigore formale, con echi di una ricerca spaziale pierfrancescana, si incentra sulla figura geometrica della piramide e sulla forma, altrettanto perfetta, dell'uovo...Dal vertice della piramide parte il filo al quale è appeso il grande uovo in bronzo, elemento spaziale e prospettico evocativo di una potente simbologia.

La scultura è stata esposta in vari musei; lo scorso dicembre ha fatto bella mostra di sé nella casa natale di Leonardo da Vinci a Anchiano nell'ambito del Paf 4 – Performance Art Festival quarta edizione organizzato dal Centro Studi Ricerche Espressive di Pistoia.

Elena Bianchini, nata a Lucca nel 1935, vive e lavora a Pietrasanta. Si diploma all'istituto d'arte “Augusto Passaglia” per poi frequentare a Firenze la scuola di grafica e pubblicità “Leonetto Cappiello”. Dagli anni '60 agli anni '80 si dedica alla pittura e successivamente anche alla scultura con opere in terracotta e bronzo. La sua attività espositiva ha spaziato in varie città tra le quali Lucca, Pisa, Verona, Milano e all'estero a Hong Kong. Le sue opere sono presenti in musei e collezioni private in Italia.





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 20/03/2018 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!