museo del ricamo

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

Museo del Ricamo

L'arte del ricamo a Pistoia

Il museo del ricamo occupa alcuni ambienti al piano terreno del palazzo Rospigliosi e Diocesano.

Si tratta di una sede museale permanente destinata alla conservazione,manutenzione ed esposizione dei materiali tessili ricamati di cui Pistoia a buon titolo può ritenersi centro eccellente di produzione nella storia antica e più recente di questa arte.

I documenti,le fonti e i numerosi reperti conservati confermano un capillare radicamento dell'attività del ricamo nella città,dove i conventi e i monasteri di clausura prima e i conservatori di istruzione femminile poi,garantirono la sopravvivenza di usi,tipologie,stili e mode dei lavori "ad ago" legati al lusso profano e al fasto ecclesiastico.La fortuna di Pistoia nel settore del ricamo "in bianco" e "sul bianco" ebbe inizio nel XIX secolo,dopo ad una sempre crescente richiesta di biancheria personale e corredo per la casa,arricchita da complessi ricami che sottolineavano il pregio e il livello sociale di coloro che li possedevano.Pistoia sviluppò in questo settore una vitale e positiva fonte occupazionale femminile dando vita tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo ad una fiorente attività artigianale e industriale che ebbe riconoscimenti a livello internazionale e che continua ancora oggi.

Il ricamo divenne così fonte di guadagno e di integrazione all'economia familiare a cui le donne potevano dedicarsi,accanto al lavoro della casa e dei figli.

Questa attività si affermò sopratutto intorno agli anni Venti e Trenta dell Novecento,grazie al moltiplicarsi di scuole-laboratorio istituite e patrocinate da benefattrici e nobildonne.

Al successo della produzione dei ricami nel territorio pistoiese concorse anche,oltre alla vasta gamma di punti impiegati,la creazione di alcune specifiche ed originali tipologie,come gli "sfilati",il "punto antico" anche detto "punto toscano" e il "Punto Casalguidi" originario della omonima località presso Pistoia.

Oggi,perchè questa antica tradizione non venga dimenticata,il Museo accoglie sotto forma di donazione o di deposito ogni testimonianza utile alla ricostruzione della sua storia.

Tuttavia la grande disponibilità di materiali ancora reperibili di proprietà diverse (dai privati agli enti ecclesiastici)impone che ciclicamente il Museo rinnovi la sua esposizione,prevedendo anche di realizzare mostre tematiche dedicate a particolarità tecnico esecutive o tipologiche dei manufatti.

Il museo,inoltre,si propone come centro di studio,documentazione e didattica del ricamo e della sua storia.

Percorso espositivo:

Il museo si articola attualmente in due sale.

Nella prima hanno trovato collocazione i manufatti collegati alla vita domestica suddivisi secondo quella che era la tradizione del corredo che ogni giovane sposa portava con sè:la biancheria per la casa,e il corredo personale,con indumenti intimi e di abbigliamento.

In questo settore si segnalano per la particolare bellezza del ricamo i due gilet maschili e le calze di cotone della fine del XVIII secolo,l'abitino da battesimo della fine del Settecento,i grembiali da festa del XIX secolo e le borsette "A punto casalguidi".

Questi due primi nuclei sono preceduti da una sezione esemplificativa della tecnica e dei materiali,strumenti e documenti legati al lavoro femminile: il filare con una serie di rocche,fusi,aspi,e il ricamare con ditali,forbici,libri di disegni e imparaticci.

Nella seconda sala hanno trovato posto arredi e preziosi indumenti ecclesiastici ricamati di proprietà della Cattedrale e di altre chiese della diocesi di Pistoia che esemplificano la ricchezza di un ben più vasto patrimonio di arte sacra.

In questo settore,caratterizzato da materiali pregiati come le sete policrome,i filati d'oro e di argento si evidenzia l'alta capacità tecnica raggiunta dagli ordini conventuali pistoiesi cui si deve la maggior parte dei manufatti.

Fra tutti spicca un importante paliotto d'altare in sete policrome realizzato nel 1601 per la chiesa di Santa Maria delle Grazie e ritornato al suo splendore dopo un accurato e lungo restauro.

Si ricorda il restauro dello splendido abito della Famiglia Soffizanti.

 abito





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 22/01/2016 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!