Battistero di S. Giovanni in Corte

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

Il prezioso edificio gotico che mantiene nella bicromia dell'esterno rapporti con la tradizione del romanico pistoiese è detto in corte per il legame con la longobarda curtis domini regis.
Fu costruito nelle forme attuali poco oltre la metà del XIV secolo. Tuttavia l'impianto originario deve essere ricondotto ad un'epoca precedente visto che già ai primi del XII secolo è documentato un S.Giovanni antistante la Cattedrale. Secondo la tradizione, fu proprio poco dopo la metà di quel secolo che vi trovò sepoltura il vescovo Atto, cui Pistoia deve l'introduzione dell'importante culto per S. Jacopo. Nonostante non se ne conosca l'originaria struttura il battistero, come vuole la più diffusa tipologia di tali edifici, ebbe presumibilmente una pianta centrale e il centro occupato dalla vasca battesimale. Lanfranco da Como realizzò nel 1226 il fonte che ancora oggi ammiriamo. 
La data e la firma si leggono nella bella iscrizione in caratteri onciali che si trova all'interno della vasca. Ai primi del Trecento il Comune stabilì di rinnovare il battistero, ma l'impresa non potè nemmeno avviarsi per la guerra che i Lucchesi e i Fiorentini mossero a Pistoia.
Una volta superati il primo quarto del secolo e la crisi politica che aveva afflitto la città si dette avvio ai lavori, e, giunti al rivestimento in marmo, la direzione del cantiere fu affidata a Cellino di Nese, già capomastro del Battistero e del Camposanto di Pisa.
Da allora la fabbrica del S.Giovanni proseguì con regolarità: venne ultimata la grande copertura e nella seconda metà del XIV secolo la chiesa poté dirsi compiuta. Cellino di Nese fu quindi il principale artefice del paramento esterno il cui raffinato uso di marmi diversamente colorati offre una particolare interpretazione della tradizione romanica pistoiese; probabilmente Cellino fu anche l'autore di parte della decorazione scultorea che anima l'abbellimento marmoreo. Le sculture della lunetta del portale insieme ai bassorilievi dell'architrave sono invece opera di un artista vicino ai modi del più noto Giovanni d'Agostino. Dalla prima metà del Seicento il battistero accoglie l'altare ligneo un tempo altare maggiore della basilica della Madonna dellUmiltà. Il battistero ha subito nel corso dei secoli più volte importanti interventi di restauro, tra i quali hanno avuto una notevole importanza quelli effettuati attorno alla metà del secolo scorso e i più recenti, che nonostante abbiano restituito al suo primitivo aspetto il fonte battesimale di Lanfranco nascosto dagli interventi tardo-barocchi dello scultore Andrea Vaccà, hanno trasformato l'antico edificio in una semplice e spoglia aula in laterizio.
Il battistero ha oggi perduto la sua funzione liturgica e talvolta ospita avvenimenti culturali. 

fori del fonte battesimale

 

Dante nel XIX canto dell'Inferno (14-21) incontrando i simoniaci con le gambe conficcate entro dei fori ricavati nella livida pietra ricorda il bel San Giovanni dove fanciullo aveva ricevuto il battesimo: i fori ... non mi parean meno ampi né maggiori/ che quei che son nel mio bel San Giovanni/ fatti per loco deí battezzatori.
Il fonte battesimale di Pistoia, contrariamente a quello fiorentino del quale è comunque nota la forma quadrata con i pozzetti laterali, è giunto sino a noi; i versi di Dante ci indicano dunque la presumibile funzione dei pozzetti laterali che a quanto pare accoglievano il sacerdote officiante.
Le dimensioni dei pozzetti pistoiesi, 80 centimetri di profondità e 75 di diametro parrebbero, però, escludere una tale funzione e semmai suggerirne un'altra, si trattava forse di vasche per l'acqua lustrale? Dante così prosegue nella sua memoria: l'un delli quali ancor non è molt'anni/ rupp'io per un che dentro v'annegava.
Il ricordo del Sommo Poeta, confermando l'uso dei pozzetti, suggerisce o una maggiore dimensione dei fori della vasca fiorentina rispetto a quelli del fonte di Pistoia adatti al più ad accogliere un bambino o più verosimilmente, nonostante le sicure analogie d'impianto, un altro uso.

Cronologia

1114 Prima menzione della chiesa di S.Giovanni Battista.
1153 Sepoltura del vescovo Atto.
1226 Vasca battesimale di Lanfranco da Como.
1303 Il Comune di Pistoia decide di costruire un nuovo battistero.
1312 Vengono demolite alcune case per far posto al nuovo battistero.
1339 Cellino di Nese viene incaricato del rivestimento marmoreo.
1357 Copertura dell'aula.
1361 Ultimazione dei lavori.
1843 Importanti lavori di restauro all'esterno.
1965 Ripristino del fonte battesimale secondo il suo antico impianto.

Bibliografia

M. Salmi, Due note pistoiesi. 1. Il fonte battesimale e il S.Giovanni di Pistoia, in «Il Gotico a Pistoia nei suoi rapporti con l'arte gotica italiana». Atti del II convegno internazionale di studi medievali di storia e d'arte, Pistoia, 1972.
F. Gurrieri, 
Il battistero di S. Giovanni in Corte a Pistoia, Pistoia, 1975.
Gurrieri-Amendola, 
La piazza del Duomo a Pistoia, Bergamo, 1995





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 08/05/2013 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!