Regione Toscana

Numero verde 800-012146 

seguici su:

Museo dello Spedale del Ceppo

Visita individuale e di gruppo al Museo dello Spedale del Ceppo

Ente: 
Comune di Pistoia
Ufficio: 

Cultura e Tradizioni, Turismo e Informatica - Museo dello Spedale del Ceppo

Orario: 
Dal 1° aprile al 30 settembre: dal martedì al venerdì 11.00-14.00; sabato, domenica e festivi 11.00-19.00; giovedì e sabato anche 21.30-23-30; lunedì chiuso. Dal 1° ottobre al 31 marzo: dal martedì al venerdì 10.00-14.00; sabato, domenica e festivi 10.00-18.00; Natale e Capodanno 16.00-19.00; lunedì chiuso.
Indirizzo: 
Piazza Giovanni XXIII 14, Pistoia – Pagina web http://musei.comune.pistoia.it/rete-museale/museo-dello-spedale-del-ceppo/
Telefono: 
0573371023 email museocivico@comune.pistoia.it
Responsabile: 
Elena Testaferrata
Incaricati: 
Lisa Di Zanni tel. 0573-371277, email l.dizanni@comune.pistoia.it; Maria Lucia Pagliaro tel. 0573-371475, email m.pagliaro@comune.pistoia.it; Responsabile del procedimento: Elena Testaferrata
Modalità richiesta: 
Per le visite individuali direttamente alla biglietteria del museo. Per i gruppi è opportuno comunicare la visita per email a Lisa Di Zanni l.dizanni@comune.pistoia.it
Oneri: 
Le tariffe sono approvate annualmente con delibera di Giunta Comunale.
Titolare PS: 
Il Segretario Generale dott. Raffaele Pancari, titolare del potere sostitutivo, interviene solo in caso di accertata inadempienza a norme di legge o regolamenti da parte del Responsabile del procedimento. E’ possibile contattare il titolare del potere sostitutivo per chiedere appuntamento ai seguenti recapiti: tel. 0573-371376 - email segretario.generale@comune.pistoia.it
Note: 
Il Museo dello Spedale del Ceppo ha sede nella parte storico-monumentale dell’ex complesso ospedaliero che, fondato secondo la tradizione nel 1277, ha svolto funzioni sanitarie per ben oltre sette secoli di storia, fino al completamento del nuovo ospedale San Jacopo, a sud della città, nel 2013. Entrando nell’antico ospedale, il percorso museale ne illustra le vicende storiche, architettoniche e artistiche, riservando una specifica sezione di approfondimento al fregio robbiano in terracotta invetriata policroma che si snoda al di sopra del loggiato esterno, capolavoro della scultura rinascimentale, fra le opere più note ed emblematiche di Pistoia. Nell’ex corsia maschile di San Jacopo e in alcuni spazi del complesso monumentale ad essa adiacenti, il percorso museale prosegue con l’ampia sezione sulla storia della sanità pistoiese, attraverso specifici approfondimenti dedicati alla ricca collezione storica dei ferri chirurgici; all’ex Ospedale psichiatrico delle Ville Sbertoli; alle biografie dei medici che più hanno contribuito allo sviluppo e alla fama dell’ospedale; all’Accademia Medica Filippo Pacini, di cui si espongono alcuni stalli del coro ligneo. Testimonianza della Scuola medico-chirurgica, attiva a partire dal XVII secolo, è il settecentesco Teatrino Anatomico, al quale si accede dal giardino, che conclude la visita al museo. Nelle immediate vicinanze il Padiglione di Emodialisi (2005), non visitabile all’interno perché ancora in funzione, costituisce un esempio di altissimo livello di arte contemporanea, con opere site-specific realizzate da artisti di fama internazionale. Il museo è di proprietà della Azienda USL Toscana Centro, che ne ha affidato la gestione al Comune di Pistoia Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale: Nei confronti del provvedimento finale: ricorso al TAR entro 60 gg.; ricorso al Presidente della Repubblica entro 120 gg. Indagine di customer satisfaction effettuata per monitoraggio annuale Regione Toscana http://musei.comune.pistoia.it/analisi-dei-visitatori-musei-civici-pistoia/.
Vota la
Completezza:
Vota la
Comprensibilità:
Vota la
Utilità: