Strada interquartiere a nord: tre incontri sul possibile tracciato

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

Come era previsto nel progetto di governo del sindaco Bertinelli, il mandato amministrativo si chiude con la progettazione della strada interquartiere a nord: un’infrastruttura attesa da decenni e che adesso vede la conclusione dello studio di fattibilità, il primo stadio del processo di progettazione.

Dallo studio, sviluppato dai tecnici del Comune di Pistoia insieme a quelli della Regione Toscana, emergono tre possibili ipotesi di tracciato per la strada interquartiere a nord che, in ogni caso, dovrà rispettare le indicazioni contenute nel progetto di governo: dovrà cioè essere pensata “come strada-parco e non come asse di attraversamento”.

Lo studio di fattibilità si è sviluppato a partire dal tracciato di previsione urbanistica procedendo ad una sua “geometrizzazione” secondo le norme vigenti ed evidenziandone le criticità.

Successivamente, sono state studiate ulteriori ipotesi di tracciato stradale più a nord del limite urbano al fine di valutarne, con più ipotesi, il miglior inserimento possibile.

Le tre ipotesi saranno adesso valutate esaminando le caratteristiche e le ricadute positive e negative di ciascuna soluzione. Rispettando un impegno preso con i cittadini, queste valutazioni saranno svolte insieme alla cittadinanza in un percorso di partecipazione che sarà attivato fin dai prossimi giorni attraverso tre assemblee pubbliche: venerdì 24 febbraio alle 21 ci sarà la prima nei locali del Circolo Parrocchiale dell’Immacolata, via Antonelli; martedì 28 febbraio alle 21 si terrà la seconda nei locali del circolo Arci Le Fornaci, in via del Fornacione 52 e giovedì 2 marzo alle 21 si svolgerà la terza nei locali della parrocchia di San Michele Arcangelo alle Casermette, via Forlanini 9.

Gli esiti dello studio di fattibilità sono stati già illustrati lunedì 21 febbraio nella seduta congiunta delle commissioni consiliari II (Urbanistica) e III (Mobilità). 

La prima ipotesi di tracciato segue esattamente quello previsto nel regolamento urbanistico e prevede dunque l’utilizzo per gran parte della viabilità esistente, passando dunque per la parte alta di via di Bigiano e poi via dell’Amicizia; la seconda soluzione ipotizza il passaggio della strada più all’esterno dell’abitato, senza occupare dunque la via di Bigiano, con inizio dal viale Italia poco prima di Villa Cappugi; la terza ipotesi prevede un percorso ancora più esterno all’abitato, con inizio sempre dal viale Italia, ma ancora più avanti, nei pressi dell’incrocio con via delle Gaine. Le prime due ipotesi prevedono il passaggio nell’ultimo tratto di via dell’Amicizia e tutte e tre il medesimo sbocco della strada sul viale Antonelli a pochi metri dall’attuale incrocio con la tangenziale Est, nei pressi della Fabbrica delle Emozioni-Ente Camposampiero. 





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 24/02/2017 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!