Trent‘anni senza Fernando

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

A trent’anni dalla morte di Fernando Melani (1907-1985), a venticinque dall’ampia mostra retrospettiva con cui Palazzo Fabroni iniziava il nuovo corso di vita come luogo dedicato all’arte moderna e contemporanea e a dieci dalla scomparsa di Donatella Giuntoli, punto di riferimento scientifico per la conoscenza e la valorizzazione di Melani e della sua opera, la ricerca dell’artista appare ancora di grande vitalità poetica: uno spunto di riflessione che travalica i limiti temporali biografici del suo operare e ci appare oggi di straordinaria attualità.

Un pomeriggio di ricordi e approfondimenti, una piccola ma significativa esposizione di opere nelle sale della collezione permanente di Palazzo Fabroni e alcune attività educative sono sembrati il modo migliore per alimentare l’interesse di tanti pubblici su Melani e la sua casa-studio, e per far conoscere il contributo critico portato da Donatella Giuntoli.

L’iniziativa è promossa e realizzata dal Comune di Pistoia/Palazzo Fabroni e dai Musei dell’Antico Palazzo dei Vescovi/Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia in collaborazione con Artemisia Associazione Culturale.

Sabato 12 dicembre alle 16 a Palazzo Fabroni, sede del museo di arte moderna e contemporanea di Pistoia, incontro a più voci sulla figura e l’opera dell’artista pistoiese.

Dopo i saluti di Elena Becheri, assessore alla cultura, e di Alessio Colomeiciuc, Presidente della Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia, introdurrà il pomeriggio Elena Testaferrata, responsabile dei musei comunali. Gli interventi sono a cura di Annamaria Iacuzzi, Luigi Tronci, Anna Brancolini e Massimo Biagi, Gianluca Chelucci, Maurizio Tuci, Renato Ranaldi. Coordinerà gli interventi Cristina Tuci, responsabile dei Musei dell’Antico Palazzo dei Vescovi.

Le conclusioni saranno a cura del vicesindacoDaniela Belliti.

Nelle sale della collezione permanente di Palazzo Fabroni un’esposizione temporanea di alcune opere di Fernando Melani sarà visitabile dal 12 dicembre al 31 gennaio nei giorni di sabato e domenica, il 26 dicembre e il 6 gennaio dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’esposizione sarà aperta nei giorni di Natale e Capodanno dalle 16 alle 19 e il 31 dicembre dalle 10 alle 13, dalle 15 alle 18 e dalle 21 alle 24 (con ingresso gratuito).

Alla cassetta di multipli denominata Arcobaleno 1, facente parte delle collezioni della Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia – alla quale l’artista stesso affida un particolare ruolo divulgativo quale risonanze della propria riflessione artistica – si affiancano alcuni lavori meno conosciuti, custoditi all’interno della casa-studio ed eseguiti a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta in cui il concetto di ‘risonanza’– centrale nella poetica di Melani – si rende esplicito in vere e proprie ‘macchine sonore’.

Domenica 13 dicembre dalle 15.30 alle 17.30 presso palazzo Fabroni si terrà un laboratorio per famiglie rivolto ai bambini dai 7 anni di età e ai loro accompagnatori “attorno a un oggetto misterioso”: i partecipanti avranno l’occasione di ‘leggere’ un’opera di Melani attraverso la scoperta dei suoni e l’invenzione di piccole coreografie. Non sono necessarie competenze specifiche.

Il laboratorio è a cura di Patrizio Barontini, Donatella Bartolini, Laura Marini in collaborazione con Artemisia Associazione Culturale. Si ringrazia per la gentile collaborazionela Fondazione LuigiTronci

La partecipazione è gratuita ma la prenotazione è obbligatoria, da effettuare presso Pistoia Informa al numero 800 012146. Non sono necessarie competenze specifiche.

 

Domenica 3 gennaio alle 16 a Palazzo Fabroni è prevista una visita guidata alle sale della collezione permanente e all’esposizione temporanea dedicata a Fernando Melani. L’ingresso al museo è gratuito a seguito di adesione all’iniziativa #Domenicalmuseo del Ministero dei Beni e della Attività Culturali e del Turismo. La visita è a cura dell’associazione culturale Artemisia.

 

Ultimo appuntamento il 30 gennaio alle 10.30 per una visita guidata nella casa-studio dell’artista, a cura dell’associazione culturale Artemisia.

 

La partecipazione alle visite guidate è gratuita ma la prenotazione è obbligatoria, da effettuare presso Pistoia Informa al numero 800 012146. Alla visita del 3 gennaio possono partecipare un massimo di 25 persone; a quella del 30 gennaio (il punto d’incontro è presso la casa-studio di Fernando Melani, in corso Gramsci 159) possono partecipare un massimo di 15 persone.

 





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 10/12/2015 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!