Comunicati Stampa del Consiglio Comunale >> Torna all'archivio dei Comunicati Stampa del Consiglio Comunale
Comunicato N. 75 del 30/04/2012
Cat. SANITA'
Servizi sanitari. Preoccupante impoverimento. Lettera del presidente Vettori.
Marco Vettori, presidente del Consiglio Comunale, mette in guarda da un inarrestabile impoverimento delle prestazioni ospedaliere, e scrive una lettera al Prefetto e al Sindaco di Pistoia.
Il presidente del Consiglio Comunale, Marco Vettori, esprime la sua preoccupazione per la revisione di alcuni servizi sanitari da parte della ASL3, in particolare dei servizi di radiologia, di pneumologia e di psichiatria. Le valutazioni di Vettori sono contenute nel testo che segue, inviato sotto forma di lettera al Prefetto e al Sindaco di Pistoia. Credevo di non dovere intervenire, in particolare in questi ultimi giorni del mio mandato, ma, come carica istituzionale, mi sento di dovere mettere in risalto e di dare voce ai problemi della sanit pistoiese cos fortemente alla ribalta in queste ultime ore. Per avere il radiologo in pronto soccorso mi risulta che ci sono voluti anni di proposte e di attesa. Oggi, in virt di tagli ingiustificati, si toglie il servizio, lo si organizza in modo diverso: la conclusione grave, per le notizie lette sui giornali, che le diagnosi si faranno a distanza, senza vedere le condizioni del paziente. Si interviene sulla psichiatria riorganizzando il reparto con la possibilit, in situazioni di emergenza, di fare intervenire personale addetto ad altre funzioni. Mi sbaglio o uno dei settori pi delicati? Qui, o funziona tutto il sistema, o, altrimenti, mi viene da dire, lo sforzo delle associazioni viene mortificato. Sanitario e sociale devono andare di pari passo: per questo che l'organizzazione dentro l'ospedale deve funzionare al meglio. In pneumologia, i medici addetti e il personale sono pochi, ma sono degli eroi. Le malattie polmonari, anche gravi, non sono in diminuzione; eppure questi pochi addetti devono correre da una parte all'altra della nostra provincia, nei vari ambulatori. C' la volont di togliere l'anatomia patologica e mandarla a Pescia, con il bel risultato che ci sar un peggiore servizio per Pistoia e con minori addetti. Potrei continuare sulle liste di attesa e sui protocolli da incrementare rispetto alla medicina del lavoro, anche questa una disciplina da sostenere, in una fase di crisi ma dove gli infortuni, per la grande precariet e incertezza, sono sempre dietro l'angolo. Mi chiedo che fine abbia fatto il piano di assunzione di venti medici di varie professionalit e cosa si aspetti a dare corso a questa previsione. L'aria romana imperversa anche all'ASL 3? Allora, la riflessione che , anche se si costruisce l'ospedale nuovo, cosa ci si mette dentro. Ci sono esempi di grandi e brave persone, dagli addetti alle pulizie agli infermieri, ai medici, che, nonostante questa gestione, lavorano con dedizione e grande professionalit, pur con la grande rabbia di non vedere le cose andare meglio. Si pu e si deve fare meglio. Per questo informo Lei, Signor Prefetto, e Lei, Signor Sindaco, perch si vigili, perch si intervenga, confrontandosi e ascoltando prima di tutto i rappresentanti di chi ci lavora e ci vive da un anno ad un altro, di chi conosce la realt ma non vede un grande futuro. Le funzioni della sanit pistoiese devono crescere e non diminuire.

Autore:





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 18/04/2012 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!