Comunicati Stampa del Consiglio Comunale >> Torna all'archivio dei Comunicati Stampa del Consiglio Comunale
Comunicato N. 65 del 05/03/2012
Cat. AFFARI GENERALI
Sostituzione. Elisabetta Querci al posto di Mazzotta.
Dibattito sulliter di sospensione. Pagliai si astiene.
Il consiglio comunale ha preso sostituito il consigliere Mazzotta, dimissionario, con Elisabetta Querci, prima dei non eletti nella stessa lista di Mazzotta. Pagliai, consigliere del Terzo Polo, ha ribadito che il consigliere dimissionario doveva restare in carica solo fino al novembre 2011. Gli uffici non si sono attivati per tempo.E una questione di legalit ed anche di moralit. Soldati, consigliere IDV, ha osservato che, dopo la sentenza, tutti dovevano interessarsi della questione. Pagliai e Bartolomei si sono attivati presso la prefettura ottenendo la comunicazione formale della sentenza. Ci dovevamo interessare fin dal novembre scorso. In futuro, dovremo essere pi attenti. Geri, capogruppo SEL, ha ricordato di aver comunicato alla presidenza dellaula lesito del processo. Qualcuno si era gi attivato. Evidentemente si ritenuto di non dover intervenire presso il prefetto. Ho avuto limpressione che qualcuno abbia giocato sul ruolo di Mazzotta, che pi volte ha garantito la maggioranza. Non dovevamo arrivare a venti giorni dalla chiusura del consiglio comunale. La surroga arriva perch non c pi bisogno del consigliere Mazzotta. Borchi, capogruppo di Federazione della Sinistra, ha detto di non rimproverarsi niente. Non certo responsabilit mia questa situazione. Nella scuola, in casi analoghi, la comunicazione arriva. Non capisco perch il prefetto non labbia fatto. Nicola Gonfiantini, consigliere PD, si chiesto quale responsabilit possa avere il consiglio comunale. Se ci fossimo attivati prima della notifica del provvedimento di sospensione, avremmo commesso un abuso. Bartolomei, capogruppo del Terzo Polo, ha detto che la confusione tale da far arrestare i carabinieri dai ladri, come nelle avventure di Pinocchio. Io non lo sapevo nessuno lo pu dire, perch la decisione della corte stata riportata sui giornali il 26 novembre. Alla fine si dovr dire che la colpa delle Poste Italiane. Margherita Semplici (PdL) ha distinto la questione giuridica dalla questione politica. Dal punto di vista giuridico non vedo quali responsabilit possano avere i consiglieri comunali. Al consiglio comunale non viene attribuito alcun potere di sospensione, mentre un potere cos penetrante compete al prefetto. La questione politica attiene alle forze di maggioranza. Lido Berti, capogruppo dei Comunisti per Pistoia, ha detto che nessuno deve vergognarsi del percorso seguito. Deve vergognarsi chi ha usato la questione per fini elettoralistici. Mazzotta, ha precisato Berti, non faceva parte della maggioranza. Sul piano politico strumentalizzazione scorretta. La sostituzione del consigliere Mazzotta stata approvata con lastensione del consigliere Pagliai.

Autore:





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 18/04/2012 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!