Comunicati StampaTorna ai comunicati stampa
Comunicato N. 677 del 25/11/2017
Cat. BIBLIOTECHE
Alla Forteguerriana si parla dei Templari

Appuntamento martedì 28 novembre alle 16 nella sala Gatteschi. In programma anche una visita guidata alla chiesa di San Pier Maggiore

Martedì 28 novembre alle 16 nella sala Gatteschi della biblioteca Forteguerriana si parlera di I Templari nel territorio pistoiese: la Via Romea imperiale, la piccola Cassia e le vie transappenniniche verso Pistoia: signori, mercanti, pellegrini e guardiani delle strade medievali verso la città. Sarà Luigi Battistini, vice presidente dell’Associazione “Il cuore di Bartolomeo”, esperto di simbologia templare e grande conoscitore e divulgatore della storia dei Cavalieri e della Via Francigena, a indagare su questo tema. Al termine dellincontro è in programma una visita guidata alla parte esterna della chiesa di San Pier Maggiore.

 

La conferenza, che fa parte del ciclo La Forteguerriana racconta Pistoia, sarà introdotta da Guido Garbi, segretario dell’Associazione storico culturale “Il cuore di Bartolomeo”, ricercatore in ambito patristico e delle antiche religioni, che parlerà delle vie transappenniniche tra l’Emilia e la Toscana, verso Pistoia, facendo cenno all’importanza storica di quei tracciati che fecero transitare pellegrini e mercanzie per tutto il Medioevo.

 

Luigi Battistini, con il supporto di immagini, anche inedite, parlerà del pellegrinaggio e dei pellegrini nel Medioevo, degli ospizi e degli ospitali e della vita dei Templari dedicati al salvataggio delle vie. Saranno poi elencate le tracce e i simboli templari nelle chiese di Pistoia e del suo territorio e le tracce del mondo cavalleresco medievale a Pistoia. Per l’occasione l’Associazione presenterà un volume di circa duecento pagine che raccoglie i contenuti della conferenza.

 

La Via Romea imperiale, la Romea Nonantolana e la Piccola Cassia furono i tracciati, a volte paralleli, che videro la presenza dei Templari, sia come “genio-pontieri” ante-litteram, sia come vigili custodi e protettori dei viandanti da e per le terre di qua e di là dell’Appennino. Lungo quei tracciati si trovano, tra le altre, le importanti tracce templari nelle chiese di Montovolo di Riola, che fu per brevi periodi territorio pistoiese.



Autore: mp





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 14/06/2013 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!