Comunicati StampaTorna ai comunicati stampa
Comunicato N. 668 del 22/11/2017
Cat. SOCIALE
"La miglior Difesa sei tu": per la prima volta a Pistoia un corso sulle tecniche di autodifesa per le minorenni

Prenderà il via a partire dal 4 dicembre nei locali del Mèlos in via dei Macelli. E´ organizzato dal Comune in collaborazione con la Questura di Pistoia 

conferenza stampa corso autodifesa minorenniPer la prima volta a Pistoia un corso per informare e apprendere le tecniche di autodifesa rivolto alle ragazze dai 16 ai 18 anni. Il Comune di Pistoia in collaborazione con la Polizia di Stato - Questura di Pistoia ha organizzato il corso “La miglior Difesa sei tu” per la prevenzione della violenza di genere e l’apprendimento di tecniche di autodifesa. Da dieci anni Amministrazione e Polizia di Stato organizzano corsi rivolti alle donne adulte. Adesso si partirà anche con le minorenni visto che il fenomeno della violenza contro le donne si manifesta in tutte le fasce di età.

Il corso, gratuito, si articolerà in quattro incontri a cadenza settimanale ogni mese a partire da dicembre. In base al numero di adesioni, il ciclo di lezioni riprenderà a gennaio per poi proseguire, se necessario, fino a maggio 2018.

L’adolescenza è una fase della vita molto complessa – ricordail vicesindaco e assessore al sociale Anna Maria Celesti - dove comportamenti e atteggiamenti già fonte di sofferenza possono, in alcuni casi, essere dei segnali di disagio che nel tempo si possono trasformare in violenza non necessariamente solo fisica e sessuale ma anche e soprattutto psicologica. Per questo è importante individuare questi segnali attraverso un percorso culturale e di formazione così da prevenirli. L´iniziativa sulla prevenzione alla violenza verso le donne ha preso il via con il seminario che si è svolto nei giorni scorsi nella sala Maggiore".

Le adolescenti sono state informate dell´iniziativa grazie alla collaborazione con gli istituti scolastici pistoiesi. Chi desidera frequentare il ciclo di quattro incontri può ricevere informazioni telefonando ai numeri 0573-371406 o 371400 da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e iscriversi tramite email inviando apposito modulo all´indirizzo servizio.civile@comune.pistoia.it. Da domani sarà possibile scaricare il modulo di iscrizione dal sito del Comune.

Per andare incontro il più possibile alle preferenze già emerse dalle ragazze, il corso è stato strutturato in modo che un ciclo si terrà nel pomeriggio di lunedì e quello successivo nel pomeriggio di mercoledì con orario dalle 14.30 alle 16.30 nel Centro Mèlos in via dei Macelli 11.

Ecco il calendario degli incontri. Nel mese di dicembre si svolgeranno nei giorni 4, 11, 18 e 20 dalle 14.30 alle 16.30. A gennaio il 10, 17, 24 e 31. A febbraio il 5, 12, 19, 26. A marzo il 7, 14, 21 e 28 marzo. Nel mese di aprile le date sono 9, 16, 23, 30 e a maggio il 9, 16, 23 e 30.

Per ogni incontro è prevista una parte teorica (caratteristiche della violenza di genere, i servizi presenti sul territorio pistoiese, filmati e letture sul tema per spunti riflessivi) che verrà svolta da operatori esperti del Centro Antiviolenza “Aiutodonna” della Società della Salute Pistoiese e dalla Questura di Pistoia e una parte pratica dedicata all’autodifesa, gestita dalla Questura, tenuta dagli istruttori di difesa personale della Polizia di Stato i quali offriranno, liberi dal servizio, la loro professionalità, con entusiasmo e passione, insegnando alle ragazze alcune fondamentali tecniche di autodifesa.

Solo con la piena consapevolezza dei propri diritti – ricorda il Questore di Pistoia Salvatore la Porta - si può essere in grado di difendersi. E´ necessario far comprendere a tutte le donne ed in particolar modo alle ragazze che non bisogna mai permettere a chicchessia di ferire, sia pure simbolicamente, la propria personalità, violando così i diritti inviolabili della persona, tutelati dalla nostra Carta costituzionale”.

L’iniziativa si inquadra nel più ampio programma della polizia di prossimitàche la Questura di Pistoia pianifica quotidianamente attraverso vademecum, consigli, informazioni e attività di prevenzione per garantire la tutela dei cittadini, ed in particolare delle fasce più deboli (anziani, minori e donne) da tutte le potenziali aggressioni.

Il progetto, che quest´anno porta il titolo "La miglior Difesa sei tu”, è stato realizzato per la prima volta dalla Questura di Pistoia nel 2010 e ritorna in un momento in cui il femminicidio è sempre più di estrema attualità.

 Una donna su tre,infatti,ha subito violenze fisiche o sessuali nella maggioranza dei casi da parte del partner o di un familiare. Picchiate in casa, molestate in strada, vittime di bullismo sul web. Più di un milione di donne in Italia finisce nella rete dei soprusi al maschile, che si ripetono più volte arrivando alla vergognosa cifra di 14 milioni di atti di violenza (dallo schiaffo allo stupro), con oltre 25 casi al giorno di stalking. Ogni tre giorni in Italia una donna viene uccisa, per aver lasciato il proprio compagno: vengono definiti i "femminicidi del possesso". Il 70% circa dei femminicidi avvengono in ambito familiare per mano del coniuge, del partner o dell´ex partner. La violenza psicologica è ancora più alta, raggiunge il 43% delle donne e comprende, violenza economica, impedimento alla libertà di movimento, controllo, minacce.

Per quanto riguarda laprovincia di Pistoia, solamente nell’ultimo triennio con andamento oramai pressoché costante,sono stati denunciati per atti persecutori 274 cittadini, di cui oltre il 95% di sesso maschile, e ammoniti con provvedimento del Questore 14 persone.

Per aiutare le donne che subisocno violenze di ogni tipo, da anni è attivo nell’area pistoiese il Centro Antiviolenza “Aiutodonna” che, oltre ad accogliere e supportare le donne vittime di violenza, si occupa di rilevare i bisogni del territorio su cui costruire campagne di prevenzione e sensibilizzazione.

Negli anni sono già stati raggiunti centinaia di studenti attraverso campagne di educazione all’interno delle scuole pistoiesi per promuovere cambiamenti nei comportamenti socio-culturali per eliminare pregiudizi, costumi e tradizioni, pratiche basate su modelli stereotipati dei ruoli delle donne e degli uomini, promuovendo una visione della figura femminile nelle diverse età libera dalla riproduzione di modelli di genere rigidi, stereotipati e degradanti.

Nella foto di gruppo da sinistra a destra l’istruttore di difesa personale della Polizia di Stato Rocco Malacarne; il capo di gabinetto della Questura di Pistoia Paolo Cutolo; il vicesindaco e assessore ai servizi sociali Anna Maria Celesti; Donatella Giovannetti del servizio sociale e Elisabetta Pini del Centro Antiviolenza del Comune. Dietro l’istruttore di difesa personale della Polizia di Stato Fabrizio Teodori e il funzionario del servizio sociale Maurizio Tempestini.



Autore: mp congiunto Comune-Polizia di Stato





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 14/06/2013 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!