Ripuliamo insieme la cittÓ

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

sacco rifiuti

Tutti i cittadini che vogliono dare una mano a ripulire la città possono contattare (dalle 10.30 alle 13.00 della mattina, per iniziare il turno nel pomeriggio, e dalle 15.00 alle 19.00 per i turni del giorno dopo) questi numeri di telefono 0573 534140, 0573 531671, 0573 371622 o scrivere a questo indirizzo mail: a.berti@comune.pistoia.it, comunicando le proprie disponibilità, sulla base delle quali saranno organizzate delle squadre di volontari, coordinati dall'amministrazione comunale, per svolgere quei piccoli lavori di pulitura che possono essere svolti in sicurezza e senza particolari attrezzature, solamente con mascherine, guanti e sacchi (che saranno forniti, presso i cantieri comunali, a coloro che non li avessero).

Anche coloro che non sono in grado di svolgere lavori di fatica potranno essere di grande aiuto: saranno infatti composte anche delle ”squadre di ricognizione” che siano in grado di perlustrare i quartieri cittadini e le frazioni dell’intero territorio comunale e annotare tutte quelle situazioni di potenziale pericolosità, soprattutto rispetto alla presenza di tegole e gronde pericolanti. Queste informazioni, annotate in maniera sistematica, aiuteranno il Cantiere comunale ad intervenire, di zona in zona, con i mezzi e le strumentazioni necessarie.

I medesimi orari  e numeri di telefono varranno anche nei prossimi giorni.


Sono state attivate le procedure di emergenza per la gestione e lo smaltimento di rifiuti

Inoltre con specifica ordinanza sindacale sono state indicate le modalità per la messa in sicurezza  e lo smaltimento del materiale in cemento amianto 

L’Amministrazione comunale di Pistoia, in accordo con Publiambiente, Arpat e Usl 3, ha definito procedure e competenze per la gestione e lo smaltimento di rifiuti e per eventuali inconvenienti igienici legati all’emergenza ancora in corso per il maltempo.

La rimozione di rifiuti presenti su aree pubbliche è a cura del Comune tramite l’azienda gestore del servizio di igiene urbana Publiambiente. Per permettere un celere superamento dell’emergenza, considerata anche l’estensione del problema su tutto il territorio comunale, i cittadini sono tenuti a segnalare la presenza di rifiuti sul suolo pubblico e, per quanto possibile, a collaborare per la loro rimozione. In particolare, l’Amministrazione comunale invita la cittadinanza a contribuire alla pulizia delle aree antistanti le proprie abitazioni dal fogliame e da altro residuo vegetale o rifiuti assimilabili agli urbani. Intanto Publiambiente sta provvedendo alla ricollocazione dei cassonetti e delle campane. Eventuali disservizi in tal senso possono essere segnalati alla Publiambiente.

Rifiuti presenti su aree private. Per quantitativi inferiori a 400 kg, calcinacci e altro materiale inerte, non pericoloso, può essere portato direttamente all’impianto Dano in Via Toscana a Pistoia. Qui è possibile conferire anche ramaglie, scarti vegetali derivanti dalla ripulitura di aree private e altri rifiuti ingombranti che, in alternativa, potranno anche essere ritirati a domicilio contattando il numero verde Publiambiente (800 980800).

I rifiuti pericolosi devono essere smaltiti adottando le misure di messa in sicurezza necessarie a impedire sversamenti o sollevamento di materiale sotto forma di polvere. In particolare, per quanto riguarda la messa in sicurezza e lo smaltimento di rifiuti contenenti amianto è stata emessa un’ordinanza sindacale contingibile e urgente.

Procedura per smaltimento amianto. I cittadini che rinvengano nella loro proprietà parti o lastre di cemento-amianto di piccole dimensioni e in quantità limitata sono tenuti a metterle rapidamente in sicurezza seguendo specifiche modalità: rimuovere il materiale intero, senza suddividere in pezzi, utilizzando guanti monouso e idonee mascherine; bagnare abbondantemente i manufatti  prima della loro rimozione. E’ importante evitare l’uso di strumenti da taglio come seghe flessibili o trapani, se necessario il materiale può essere sezionato effettuando pochi colpi di martello sul materiale bagnato già insaccato o avvolto con teli di plastica. Il materiale di risulta contenente amianto deve essere coperto con teli di materiale plastico. Per lo smaltimento sarà necessario rivolgersi a una ditta specializzata, che dovrà intervenire secondo le procedure previste dalla vigente normativa. Qualora i quantitativi non siano di piccola entità i cittadini dovranno rivolgersi direttamente a una ditta specializzata.

La procedura di messa in sicurezza deve essere osservata anche nel caso in cui piccole quantità di materiale contenente cemento amianto provengano da un’altra proprietà. In questo caso il proprietario dell’area su cui si trova il materiale, dopo la messa in sicurezza, è tenuto ad avvisare immediatamente il Comune di Pistoia contattando l’Urp al numero 800 012 146 o all’indirizzo di posta info@comune.pistoia.it per il conseguente smaltimento, qualora non provveda direttamente il proprietario dell’immobile o manufatto da cui si sono originati i distacchi attraverso idonea ditta abilitata a tali operazioni. A tal fine dovranno essere forniti al Comune i propri dati, nonché la stima della quantità del materiale da rimuovere e informazioni sulla provenienza presunta. Nei giorni seguenti potranno essere disposti sopralluoghi a cura del Comune, dell’Arpat e della Usl ai fini della verifica di quanto segnalato e per valutare le modalità di smaltimento necessarie.

Nel caso in cui il proprietario rinvenga sul proprio fondo materiale contenente cemento amianto proveniente da altra proprietà in quantità significativa, dovrà essere contattato il Comune di Pistoia attraverso l’Urp per le attività necessarie alla messa in sicurezza e smaltimento, qualora non provveda direttamente, attraverso idonea ditta abilitata, il proprietario dell’immobile o manufatto da cui si sono originati i distacchi. Anche in questo caso dovranno essere fornite le informazioni necessarie, con possibilità che vengano disposti sopralluoghi da parte di Comune, Arpat e Usl3.

I proprietari di insediamenti produttivi, artigianali e di servizio devono mettere in sicurezza la parte della copertura ancora posta in sede, per evitare ulteriori crolli, ma anche raccogliere e mettere in sicurezza i frammenti e i pezzi di manufatti che si sono staccati e insediati sia nella propria area che in quella dei vicini; smaltire in proprio tutto il materiale recuperato sia nella propria che nella sede delle altre ditte e dei fabbricati civili limitrofi.

Tutti i proprietari di manufatti contenenti amianto (tettoie, coperture e altro) sono tenuti adeffettuare con urgenza una valutazione del loro stato di conservazione per verificare l’eventuale necessità di bonifica.

 

Comune, Arpat, Asl3 e Publiambiente effettueranno monitoraggi sul territorio per verificare e sanzionare chi, abusando dell’attuale stato di emergenza, attui comportamenti illeciti in materia di gestione e smaltimento di rifiuti o abusi dei servizi di smaltimento straordinari messi a disposizione dall’amministrazione.

Per ulteriori informazioni si può contattare PistoiaInforma al numero verde 800 012 146, o all'indirizzo info@comune.pistoia.it. Si consiglia inoltre di consultare la nota tecnica sullo smaltimento dei rifiuti a cura dell'ufficio Igiene Ambientale e l'ordinanza del sindaco per la messa in sicurezza e lo smaltimento del materiale in cemento amianto.





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 09/03/2015 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!