Rimborsi sul servizio depurazione. Come ottenerli

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

Facendo seguito agli impegni presi durante il consiglio comunale dello scorso 20 gennaio, l’amministrazione comunale specifica le modalità per ottenere i rimborsi da parte di quei cittadini che tra il 16/10/2003 e il 15/10/2008  hanno pagato per il servizio di depurazione, pur non avendone usufruito.

Si tratta in tutto di 12mila 216 utenti (dati Publiacqua) che in base alla sentenza 335 dell’ottobre  2008 hanno diritto ad un rimborso da parte di Publiacqua in quanto hanno pagato in bolletta una quota parte destinata alla depurazione delle acque, pur non essendo allacciati alla rete fognaria pubblica.  Di questi utenti però solo 524 hanno finora presentato la domanda necessaria ad ottenere il risarcimento. In tutto Publiacqua, sempre in base ai dati forniti dalla stessa azienda all’amministrazione comunale, deve restituire agli utenti di Pistoia un totale di 2.726.357 euro.

L’assessorato alle aziende partecipate ieri, nel corso dell’assemblea dell’AIT, ha chiesto formalmente che l’Autorità Idrica Toscana si attivi per fare un controllo rigoroso sulle aziende circa le modalità dei rimborsi e il livello da essi raggiunto. Per quanto riguarda i rimborsi automatici agli utenti che ne hanno diritto da effettuarsi in bolletta, l’Autorità Idrica sostiene che la legge indica necessaria “l’istanza documentata” da parte dell’utente, mentre il consiglio regionale con una mozione del 30 maggio 2012 invitava l’AIT a provvedere ai rimborsi diretti nelle bollette (la mappatura della depurazione e la banca dati degli aventi diritto è peraltro a disposizione). L’assessore alle aziende partecipate ha chiesto pertanto al Direttore generale dell’AIT una risposta formale di chiarimento in merito alla questione, che è attesa nei prossimi giorni, e comunque l’impegno a rendere più agevoli possibili per i cittadini i rimborsi dovuti attraverso direttive da inviare alle aziende. 

Ricordiamo che la Sentenza della Corte Costituzionale n. 335 del 15/10/2008, ha stabilito: 
• l'incostituzionalità del pagamento della tariffa relativa al servizio di depurazione, nel caso in cui l'Utente non ne usufruisca (assenza o temporanea inattività dell'impianto di depurazione acque reflue); 
• l'introduzione di una nuova tariffa destinata a coprire i soli costi di investimento relativi alle attività di progettazione, realizzazione, completamento o attivazione degli impianti di depurazione (tariffa ex L. 13/2009); 
• l'obbligo per i gestori di rimborsare la quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di depurazione, al netto degli oneri deducibili (costi sostenuti dal gestore per le attività di cui sopra) e comprensiva degli interessi maturati. 

Tale materia è stata regolata dal legislatore attraverso i seguenti riferimenti normativi: 
• Legge n.13 del 27/02/2009 - art 8 sexies, conversione del Decreto Legge 30 dicembre 2008, n. 208 recante "Misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell'ambiente"; 
• Decreto Attuativo del Ministero dell'Ambiente del 30 settembre 2009 pubblicato sulla G.U. n 31 dell'8 febbraio 2010. 
• Procedure di attuazione degli oneri deducibili definiti dall' Autorità di Ambito Territoriale n. 3 Medio Valdarno con comunicazione del 14/10/2010 n. 5033/10 

In conformità a quanto era stato stabilito dalla Legge Galli (L.36/94) e sue successive modificazioni, Publiacqua S.p.a. fino alla data della sentenza, 15.10.2008, ha applicato una tariffa per il servizio di depurazione che copriva sia i costi sostenuti per la gestione degli impianti di depurazione che i costi previsti nei piani di investimento per la progettazione/realizzazione degli stessi. 

Nel rispetto di quanto previsto dalla sentenza e dalle successive norme emanate, Publiacqua S.p.a., alle utenze interessate, a partire dal 16/10/2008 non ha più applicato la tariffa per il servizio di depurazione, e dal 01/01/2010 ha applicato la "tariffa ex L. 13/2009" definita dall'Autorità di Ambito Territoriale n. 3 Medio Valdarno con delibera n. 21 del 28/12/2009. 
Una volta attivati gli impianti di depurazione, la "tariffa ex L. 13/2009", sarà sostituita dalla normale tariffa del servizio di depurazione. 

Per attivare la procedura di richiesta di restituzione si può contattare il Call Center di Publiacqua (800 238 238) oppure scaricare le istruzioni per la presentazione della richiesta dal sito internet di Publiacqua: 

http://www.publiacqua.it/sites/www.publiacqua.it/themes/publiacqua/images/Modulistica_Restituzione_Istruzioni.pdf

 





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 11/04/2014 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!