Tares: niente interessi di mora se si paga entro il 31 agosto

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

La prima rata della Tares, il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, è scaduta il 31 luglio. Si tratta di un acconto pari al 40% determinato sulla base della Tia (la vecchia tariffa di igiene ambientale in vigore fino al 2012) per l’anno 2012. La seconda rata, sempre per un importo del 40% in acconto rispetto alla Tia, scadrà il 30 settembre. Gli avvisi di pagamento sono arrivati negli scorsi giorni. L'avviso riporta l’intero importo delle due rate e in allegato ci sono due modelli F24 entrambi pari al 40%, con scadenza rispettivamente 31 luglio e 30 settembre.

I due modelli F24 da utilizzare per il pagamento vengono quindi inviati ai contribuenti contestualmente già prestampati, ma hanno diversa scadenza. Chi vuole potrà comunque pagare entrambi gli F24 nello stesso momento, entro la prima scadenza.

Considerato però che gli avvisi sono arrivati a molti a ridosso della prima scadenza, ai pagamenti effettuati entro il 31 agosto non saranno applicati interessi di mora.

Gli F24 possono essere presentati agli sportelli bancari e postali. Non potranno invece più essere utilizzate le forme di pagamento previste per la TIA, quali le eventuali disposizioni di addebito permanente in conto corrente attivate in precedenza.

Ricordiamo che per quanto riguarda i pagamenti a carico delle società è possibile SOLO il pagamento on line tramite professionista abilitato (non possono andare direttamente in banca o alla posta).

Per i pagamenti effettuati on line è opportuno NON barrare la casella acconto come invece riportato nel modello precompilato (comunque il pagamento viene ugualmente accettato e contabilizzato).

A dicembre poi, a saldo del tributo, i contribuenti dovranno corrispondere il residuo 20% calcolato sulla base dei nuovi parametri stabiliti per la Tares. La terza rata comprenderà il saldo e una maggiorazione pari allo 0,30 euro per metro quadrato il cui versamento andrà direttamente allo Stato.

Sono attualmente in via di definizione le tariffe relative al 2013 che dovranno essere deliberate dal consiglio comunale, insieme al regolamento per l’applicazione del tributo, entro la fine del mese di settembre.

Appena deliberate, tariffe e regolamento, saranno pubblicate sul nostro sito e su quello di Publiambiente (www.publiambiente.it)