Polveri sottili. Vietato bruciare residui vegetali all‘aperto

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

A partire da mercoledì primo novembre e fino al 31 marzo 2018 è vietata l´accensione di fuochi  all´aperto per bruciare sfalci, potature, residui vegetali o altro nelle aree del territorio comunale che si trovano a un´altezza inferiore a 200 metri sul livello del mare. Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco al fine di ridurre l’inquinamento atmosferico.

Dal 2016 la Regione ha modificato le disposizioni che regolano l´emissione di provvedimenti contingibili per il risanamento della qualità dell´aria. In particolare la giunta regionale ha disposto di modulare gli interventi da mettere in atto sulla base di un Indice di criticità della qualità dell´aria (ICQA). Due, le azioni previste. La prima comporta che i Comuni adottino un primo pacchetto di provvedimenti nel periodo che va dal 1 novembre al 31 marzo – quando gli episodi critici sono più frequenti –, a prescindere dal numero di superamenti dei valori limite giornalieri di PM10 (le cosiddette polveri sottili). La seconda viene assunta qualora la somma tra il numero di giorni di superamento di PM10 rilevati e il numero di giorni con condizioni meteo favorevoli all´accumulo degli inquinanti risulti maggiore o uguale a 7.

L´ordinanza emessa dal sindacoè quindi riconducibile al primo tipo di provvedimenti da assumere obbligatoriamente dal 1 novembre al 31 marzo. Si tratta, infatti, di mettere in campo le misure previste per il cosiddetto periodo critico dal Piano comunale di azione (PAC) per il risanamento della qualità dell´aria 2016-2020, redatto dal Comune di Pistoia e i cui contenuti sono consultabili alla pagina http://www.comune.pistoia.it/8724

L´ordinanza, oltre a vietare di bruciare sfalci, potature, residui vegetali o altro nelle aree del territorio comunale che si trovano a un´altezza inferiore a 200 metrisul livello del mare dal primo novembre 2016 al 31 marzo 2017, invita i cittadini a non utilizzare legna in caminetti aperti o stufe tradizionali a legna, a meno che questi non siano l´unica fonte di riscaldamento dell´abitazione e con l’esclusione delle aree non metanizzate. Ulteriori comportamenti da adottare per ridurre le emissioni di materiale particolato prevedono di contenere i consumi energetici, evitando inutili sprechi, nella gestione degli impianti di riscaldamento (attraverso una corretta regolazione degli orari di accensione, il controllo della temperatura massima, la corretta gestione degli accessi ai locali pubblici e esercizi commerciali, ecc.); utilizzare il più possibile i mezzi pubblici o mezzi di trasporto non inquinanti negli spostamenti; utilizzare in modo condiviso i mezzi privati di spostamento, per diminuire il numero dei veicoli circolanti. Nell´ordinanza si richiama anche l’obbligo di rispettare le disposizioni presenti nel Codice della strada nonché nel regolamento comunale di igiene, relative alla necessità di spegnimento dei motori dei veicoli in sosta.

Ogni volta che si raggiungeranno condizioni di “indice di elevata criticità” sarà emessa un´ulteriore ordinanza contingibile, della durata di 4-5 giorni, contenente il divieto di utilizzo di biomassa (camini aperti, stufe tradizionali a legna) per riscaldamento domestico, dove siano presenti sistemi alternativi di riscaldamento e con la deroga per le aree non metanizzate.

Altre informazioni sulla tematica della qualità dell´aria sono disponibili nelle pagine del servizio Igiene ambientale e tutela degli animali del sito del Comune di Pistoia alla pagina http://www.comune.pistoia.it/9110 in continuo aggiornamento, dove è possibile consultare anche il testo integrale dell´ordinanza.





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 30/10/2017 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!