Pistoia ha una nuova piazza
E' la Piazza telematica, un luogo dove incontrarsi virtualmente per discutere, fare proposte, esprimere le proprie opinioni su temi rilevanti per la qualità della vita in città. Un forum aperto a tutti che ha come interlocutori amministratori e tecnici comunali che aprono il dibattito e rispondono alle domande di chi scrive, in un'ottica di interattività.
Per leggere i messaggi già in rete e aggiungere il vostro, basta aprire la cartella corrispondente all'argomento prescelto.
Il forum è moderato; i messaggi anonimi, di contenuto osceno, offensivo o diffamatorio non verranno pubblicati.
Per ragioni di privacy sara' visibile solo il nome di chi partecipa al dibattito e non la sua mail.
Discussioni


Le Ville Sbertoli e la citt

  Moderatore: Angelo Ferrario


Messaggi presenti n. 2
Pagina 1 di 1
Pag. 1
Inviato da: Flavia Forgione
data: 02/04/2009
Messaggio: Complimenti anzitutto per questa opportunita di partecipare attivamente e di esprimere la propria opinione in merito ad una scelta cosi importante. Con la speranza che i contributi dei cittadini che parteciperanno vengano presi in considerazione.
Ho visitato Le Ville Sbertoli un paio di volte e vedere l abbandono ed il degrado in cui sono abbandonate, a parte la sezione destinata alla Facolta di Infermieristica, e stato oserei dire doloroso. Un tale spreco di spazi, luoghi da poter utilizzare per la collettivita ed anche la tristezza, il dolore per l abbandono in cui si trovano luoghi un tempo destinati ad ospitare la sofferenza e l isolamento, quasi a voler cancellare quelle memorie, annullarne l esistenza.
Beh.ho pensato a quante cose si potrebbero fare in quei luoghi per restituire dignita anche a chi vi aveva vissuto dolorosamente.spazi per mostre, eventi culturali, scuole, parchi pubblici e perche no una casa di riposo per anziani che tra pochi anni saranno forse la maggioranza della popolazione, casa di riposo non isolata come spesso accade ma inserita accanto a strutture giovanili, artistiche, di svago.perche no un dancing per non obbligare gli amanti del ballo a dover percorrere chilometri per praticare questa attivita .strutture sportive.una ricettivita alberghiera.dimentico qualcosa? mi rendo conto che tutto questo ha un costo notevole, ma certamente avrebbe un ritorno anche economico non necessariamente da realizzare in breve tempo ovviamente ma se intanto si cominciasse da qualche parte gradualmente si potrebbe fare molto.grazie


Inviato da: Angelo Ferrario, Garante della Comunicazione per il Regolamento Urbanistico
data: 26/03/2009
Messaggio: Dopo la presentazione pubblica del 25 marzo scorso, il percorso partecipativo sul futuro delle Ville Sbertoli a Collegigliato entra nel vivo.
In queste pagine potete esprimere il vostro parere e portare un contributo.
All’origine del percorso partecipativo sul futuro delle Ville Sbertoli a Collegigliato c’è l’applicazione della legge regionale toscana sulla partecipazione (L.R. n° 69 del 2007); il Comune di Pistoia ha aderito ai principi e alle finalità della legge, sottoscrivendo un protocollo d’intesa con la Regione per lo sviluppo di processi decisionali inclusivi volti a favorire la più ampia partecipazione possibile dei cittadini alla elaborazione delle proprie politiche.
Come previsto dalla legge, l’amministrazione ha quindi presentato domanda per ottenere il sostegno finanziario dell’Autorità Regionale per la Partecipazione, prof. Rodolfo Lewanski, ad un processo partecipativo in relazione al piano attuativo per il recupero dell’area delle Ville Sbertoli, ex manicomio della città, di proprietà della locale Asl. Il progetto è stato ritenuto meritevole di attenzione e sostegno e l’Autorità ha assegnato al Comune un contributo per la sua realizzazione.
Gli obiettivi del processo partecipativo sono quelli di diffondere la conoscenza della storia e dell’evoluzione del complesso delle Ville e dei suoi legami con la città, anche attraverso un’attività di ricerca e documentazione, di arrivare alla definizione condivisa di ipotesi di recupero dell’area compatibili con la natura e il valore, anche simbolico, del luogo, di elaborare ipotesi d’impiego anche in una prospettiva sovralocale e di area metropolitana.
Il processo partecipativo è aperto a tutti, ma prevede in particolare il coinvolgimento di:
una quarantina di cittadini scelti con metodo statistico e attraverso un sistema di interviste telefoniche
ordini professionali
categorie economiche
associazionismo
"custodi della memoria" (persone che hanno avuto un’esperienza personale delle Ville Sbertoli)
Le attività previste sono:
2 laboratori di progettazione con i cittadini scelti attraverso il sondaggio telefonico (fissati per il 28 marzo e il 10 maggio)
3 focus group con ordini professionali, categorie economiche, associazionismo (rispettivamente il 2, il 3 e il 16 aprile)
1 percorso di due incontri con i "custodi della memoria" (9 e 16 aprile)
predisposizione di pagine web dedicate, di un forum telematico, di una newsletter tematica
apertura della "Casa del Garante", ogni gioved pomeriggio presso l’ufficio tecnico comunale, alla quale chiunque potrà rivolgersi per avere informazioni o portare un contributo al processo
realizzazione, al termine del percorso partecipativo, di una pubblicazione finale di documentazione e rendicontazione
L’amministrazione comunale ha scelto di farsi accompagnare in questo percorso da un’equipe di consulenti esperti in grado di mettere in campo le competenze necessarie in diversi campi; facilitatori della MartiniAssociati di Lucca accompagneranno i cittadini nel corso delle attività programmate.
Il percorso ha mosso i suoi primi passi a febbraio e dovrà concludersi entro il 31 luglio 2009.
L’amministrazione comunale, attivando questo percorso, si impegna a valutare le proposte che emergeranno dal processo partecipativo e, qualora non intendesse o non potesse adottarle, a motivare pubblicamente tale scelta
L’Amministrazione si impegna altres a fornire al progetto tutto il supporto tecnico e organizzativo necessario e ad evitare di interferire con il processo partecipativo.
L’assessore di riferimento è Silvia Ginanni, titolare delle deleghe per l’urbanistica, l’edilizia privata, l’arredo e riqualificazione urbana, tel. 0573 371565, e mail s.ginanni@comune.pistoia.it




Messaggi presenti n. 2
Pagina 1 di 1
Pag. 1

Software by C&G servizi WEB s.r.l. © 2003-2012 InRete.com. All Rights Reserved.




web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 19/02/2013 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!