CittÓ come valore sociale

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

"Non è più pensabile considerare i servizi sociali come strumenti di mera assistenza, senza metterli in connessione con uno sviluppo economico orientato alla qualità democratica, ambientale e sociale".

Politiche sociali

CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE DEGLI SFRATTI PER MOROSITÀ INCOLPEVOLE

Possono fare richiesta di contributo i locatari con contratto di affitto, sia da libero mercato che da edilizia convenzionata, che hanno un procedimento di intimazione di sfratto per morosità in corso, un reddito Isee non superiore a 20mila euro e che possono dimostrare la diminuita capacità reddituale del nucleo familiare per effetto della crisi economica (licenziamento, cassa integrazione, cessazione di attività libero professionali o imprenditoriali, etc.), di grave malattia o di allontanamento di un componente del nucleo familiare con conseguente perdita di reddito. In tutti questi casi il Comune, d’accordo con il proprietario, sana la morosità concedendo un contributo fino ad un massimo di 12 mensilità. Nel caso in cui non si trovi l’accordo con il proprietario, il Comune favorisce il passaggio da casa a casa, concedendo un contributo fino ad un massimo di 4 mensilità per la stipula di un nuovo contratto di locazione con un altro proprietario.

SPOSTAMENTO DEL CAMPO NOMADI DEL BRUSIGLIANO

La necessità di realizzare un nuovo e più adeguato insediamento abitativo per le 16 famiglie residenti nell’area del Brusigliano è motivata non solo dalla progressiva fatiscenza delle attuali strutture, ma anche dall’esigenza di operare alcuni importanti interventi per il consolidamento dell’argine del vicino torrente Ombrone e di risagomatura delle sponde del torrente Brusigliano, essenziali per la messa in sicurezza dell’area in cui si sta costruendo il nuovo presidio ospedaliero.

individuazione dell'area del vecchio e del nuovo campo nomadiIn accordo con i cittadini del campo del Brusigliano, l’Amministrazione intende realizzare un cantiere sociale di autocostruzione che conduca alla realizzazione, per opera degli stessi cittadini rom, del nuovo insediamento abitativo e in particolare all’edificazione di 16 strutture abitative in legno.

A tale scopo, il 30 ottobre 2012, i residenti del campo del Brusigliano hanno costituito, con il supporto dell’Amministrazione, un’associazione senza scopo di lucro denominata "Nevo Foro" ("Nuova Città") i cui componenti (14 in tutto) parteciperanno attivamente allo svolgimento dei lavori di realizzazione del villaggio, mettendo a frutto le loro specifiche professionalità.

L’opera di autocostruzione avverrà in stretta collaborazione con l’Ufficio tecnico del Comune e con il supporto, nella progettazione e nel coordinamento, della Fondazione Giovanni Michelucci Onlus, di cui il Comune è socio. Grazie anche ad un attento ed impegnativo lavoro degli uffici, la città si avvia verso la definitiva soluzione di un’annosa questione sociale della città: l’individuazione di una dignitosa e stabile sistemazione per i cittadini residenti nel campo del Brusigliano.

 SPES: RAPPORTO ESCLUSIVO CON I COMUNI SOCI E CONTROLLO PIÙ STRINGENTE SULLA SUA ATTIVITÀ

Nel marzo del 2013 la giunta ha licenziato un nuovo contratto di servizio tra Comune e Spes relativo alla gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, anche alla luce dell’entrata in vigore, nel dicembre 2012, del nuovo Statuto che ha trasformato la Spes da s.p.a. con rilevanza economica a società consortile a responsabilità limitata e senza fini di lucro. Questo cambiamento comporta due rilevanti novità:

1)    Spes dovrà operare solo ed esclusivamente con i Comuni soci, di cui è società strumentale e non potrà partecipare a società terze né avere incarichi dalle stesse;

2)    diventa più stringente il controllo operato dal Comune nei confronti di Spes: l’amministrazione eserciterà sull’attività di Spes il cosiddetto ‘controllo analogo’, ossia una verifica che è in tutto simile a quella operata sui propri servizi. Il nuovo contratto di servizio reintroduce sotto la gestione della società anche l’emergenza abitativa, costituita da tutta quella parte di alloggi temporanei che devono servire a tamponare situazioni di grave difficoltà.

Il nuovo contratto ha reso più chiari i rapporti tra azienda consortile e amministrazione comunale che afferiscono al Lode, in modo da migliorare la gestione del servizio, e di conseguenza il servizio stesso reso ai cittadini.

ALBERGO POPOLARE

E’ stato ristrutturato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio PT e Pescia; dallo scorso dicembre è stata  attivata l’accoglienza al piano  terra  per l’emergenza freddo: La grave crisi economica ha determinato la presenza sul nostro territorio di molte persone sole che hanno perso l’alloggio e che sono ospitate presso l’albergo popolare che è sempre rimasto aperto. L’albergo popolare prevede la presenza di un operatore sociale per il controllo e  vigilanza preventiva

CASA CIRCONDARIALE

Sono stati  istituiti due gruppi di lavoro  ai quali partecipano operatori comunali e della Casa circondariale coadiuvati dal Garante dei detenuti: un gruppo ha lavorato alla definizione del rapporto di  convenzione Anci  tra Comune e Istituto Penitenziario  per lo svolgimento del lavoro di pubblica utilità da parte di soggetti in stato di detenzione in favore della comunità locale. Il secondo gruppo sta predisponendo un Progetto da presentare alla Cassa delle Ammende per interventi interni alla Casa circondariale realizzati dagli stessi detenuti e funzionali  ad acquisire competenze spendibili  a fine pena

Lavoro e sviluppo economico

MERCATO

Si è lavorato per ottenere un miglioramento delle possibilità di fruizione del mercato da parte dell'utenza, con particolare riguardo alla sicurezza nell'area mercatale, e a mantenere un certo spazio tra i banchi per garantire un accesso idoneo agli esercizi in sede fissa.

In via sperimentale e in accordo con le associazioni di categoria del commercio, quest’anno, durante il mese di luglio quando piazza del Duomo è occupata dal palco centrale, i banchi sono stati spostati in Via Cino, Corso Gramsci e Via della Madonna.

Per il mercatino del Blues  sono state riviste le modalità di partecipazione e le categorie merceologicheammesse, prevedendo una maggiore presenza di imprese artigiane e commerciali rispetto ai privati cittadini. Miglioramento delle possibilità di fruizione del mercato da parte dell'utenza con particolare riguardo alla sicurezza nell'area mercatale.

LA CATTEDRALE EX BREDA

l'interno della Cattedrale Ex Breda Dopo avere raccolto, in un percorso partecipativo svoltosi nell’autunno del 2012, tutte le proposte arrivate da cittadini, enti e associazioni, l'Amministrazione ha deciso che la gestione della Cattedrale resterà del Comune ma con la possibilità di aprirsi a collaborazioni con altre realtà commerciali e istituzionali del territorio al fine di promuovere ulteriormente lo spazio.

Le tariffe sono state inoltre giudicate coerenti con le finalità e le dimensioni dell'edificio anche rispetto ad altri spazi presenti in città e nell'area metropolitana. Le nuove tariffe hanno ridotto di un terzo gli importi precedenti. La tariffa giornaliera è stata abbassata da 1.500 a 1.000 euro, mentre il costo per due giorni è passato da 2.500 a 1.650 euro (per quelli successivi – fino ad un massimo di cinque – è di 650 euro al giorno; per ogni giorno successivo al quinto è di 350 euro al giorno anziché 1.000). A questo vanno aggiunti il rimborso forfettario per utenze, materiali di consumo e servizi igienici per 150 euro giornalieri, la cauzione di 500 euro e le spese per la copertura assicurativa. Per i soggetti senza scopo di lucro viene chiesto solo il rimborso spese (150 euro al giorno) oltre alla cauzione e alle spese per la copertura assicurativa.

L'Amministrazione effettuerà il completamento dell'impianto di riscaldamento con l'acquisto e l'installazione di una caldaia per una previsione di spesa superiore ai 70mila euro. Ciò permetterà che l'enorme ambiente possa essere riscaldato durante la stagione invernale. 

E' intenzione trovare una soluzione per l'aumento della potenza elettrica necessaria in caso di pubblici spettacoli. L'obiettivo è di far conoscere questo spazio anche fuori dal territorio provinciale attraverso una pagina internet interamente dedicata.

 

 PISTOIA SOCIAL BUSINESS CITY

un particolare della targa Social Business City consegnata a Pistoia

 

Un'epoca di crisi economica internazionale e di revisione della spesa pubblica, il Social Business può rappresentare una soluzione concreta alla domanda di servizi e prodotti socialmente utili senza gravare sulle casse dello Stato ma anzi, stimolando la partecipazione dei cittadini e l'imprenditorialità dal basso.

In questa direzione sta cercando di andare la città di Pistoia dove, dal gennaio 2012 è attivo il programma “Social Business City” realizzato dallo Yunus Social Business Center University of Florence insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e alla Fondazione Un Raggio di Luce onlus.

Con una serie di attività rivolte a studenti, imprenditori e amministratori, il programma mira a creare, da qui ai prossimi tre anni, un sistema facilitante per la nascita e lo sviluppo di imprese che non perseguono la massimizzazione del profitto ma puntano a soddisfare i bisogni espressi dalla comunità e dal territorio. 

L’11 luglio 2012 il programma è stato inaugurato e il professor Muhammad Yunus, Premio Nobel per la Pace e presidente dello Yunus Centre di Dhaka (Bangladesh) ha consegnato personalmente al Sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli il riconoscimento “Pistoia Social Business City”.

 

AGEVOLAZIONI COSAP CONNESSE ALLA MODIFICHE DELLA ZTL

Fino al 75% di abbattimento del COSAP per i dehor delle nuove aree pedonali e di quelle interessate dall’estensione della ztl. La giunta prevede infatti di applicare una riduzione del canone pari al 75% per il primo anno dalla data di esecutività dell’atto di istituzione della nuova area di circolazione, al 50% per il secondo anno, del 25% per il terzo anno e di far pagare la quota intera soltanto a partire dal quarto anno. Il provvedimento si applica anche alle zone già interessate dai provvedimenti del Piano operativo di dettaglio approvato il 15 ottobre dalla giunta, e cioè: piazza della Sapienza, piazzetta delle Scuole Normali, piazza San Bartolomeo, piazza Giovanni XXIII, piazza del Carmine, via Filippo Pacini. Per queste sarà considerato vigente dal gennaio di quest’anno. L’obiettivo della giunta è, anche in questo caso, quello di favorire un progressivo ampliamento dell’area solitamente percepita come “centro cittadino” e di permettere alle attività commerciali che sorgono in aree di nuova pedonalizzazione o interessate ad estensione della Ztl di adattarsi gradualmente all’inevitabile mutamento della loro clientela che, se nel lungo periodo può andare a crescere, nell’immediato subisce evidentemente un cambiamento.

  

Turismo

Promozione del territorio. L’Amministrazione ha lavorato quest’anno alla ulteriore valorizzazione del territorio e delle sue caratteristiche attraverso vari interventi, tra cui la creazione di itinerari turistici all'interno del Centro Storico, nelle zone limitrofe e in particolare nelle aree fuori dall'abitato urbano, collinari e montane. Sono state sostenute le iniziative turistiche in grado di promuovere la conoscenza delle attività economiche, artigianali e commerciali dei territori montani avvalendosi anche della peculiarità territoriale, rappresentata dalla storica linea ferroviaria "Porrettana".

Potenziamento delle informazioni. È stata in parte migliorata la segnaletica turistica cittadina, rivisitando quella esistente. L’Amministrazione ha partecipato alla seconda fase dell’Osservatorio di destinazione Turistica, con la realizzazione di un network di collegamento fra OTD comunali e provinciali con la Regione Toscana. È stato aggiornato il materiale cartaceo destinato alla promozione e alla conoscenza del territorio con la diffusione di 5.000 copie di materiale di informazione turistica, l’aggiornamento e la stampa del dépliant di promozione in 4 lingue.  

Programmazione delle manifestazioni. Si sono affinati gli strumenti di programmazione degli eventi locali, così da permetterne una migliore promozione, anche attraverso la collaborazione e l’aggiornamento di piattaforme telematiche e di siti dedicati, non ultimo quello dei Mondiali di ciclismo. Il Comune ha aderito alla Rete delle città del trekking Urbano promuovendo alcune giornate dedicate. 

PROGETTO EDEN - PISTOIA CAPITALE DEL TURISMO ACCESSIBILE

Il Comune e la Provincia di Pistoia hanno partecipato, classificandosi al primo posto su cinquanta candidati, al progetto Eden, il più importante programma comunitario per la valorizzazione dei territori da un o punto di vista turistico. Pistoia è stata visitata da alcuni funzionari del Ministero che hanno visitato il centro storico, il palazzo dei Vescovi con i percorsi tattili, il Museo civico e il percorso Pistoia Sotterranea completamente accessibile. È questo, oltre che un importante riconoscimento, anche un ulteriore mezzo di promozione in Italia e in Europa del territorio.

 

Staff Programmazione Studi e Ricerche

A partire dal mese di novembre  2012 si è creato l’ufficio staff Programmazione Studi e Ricerche con lo scopo di supportare la programmazione strategica dell’Ente, attraverso, tra le altre cose, la redazione della relazionerevisionale e programmatica, e la collaborazione alla redazione di una prima bozza di bilancio sociale. Si è anche impegnato nella ricerca di risorse finanziarie aggiuntive attraverso la partecipazione ad alcuni bandi e cioè:

    • Bando a valere sul fondo regionale per la montagna: Progetto “Comunicare il piano di protezione civile comunale per vivere in sicurezza”;
    • Bando di raccolta progetti per l'accesso ai finanziamenti di interventi relativi a infrastrutture per il turismo e il commercio:  Progetto “Incontriamoci a Pistoia”; Progetto “Ristrutturazione Saletta Gramsci”;
    • Premio città amica del camminare 2013
    • Bando regionale  sulla sicurezza stradale: “Progetto 
    • interventi in materia di politiche per la sicurezza. acquisto ed installazione di dispositivi segnaletici speciali “dissuasori di velocità “ finalizzati alla prevenzione dei rischi sulle strade urbane ed extraurbane”;
    • Bando CNR: Progetto “Smart cities :energia da fonti rinnovabili e ICT per la sostenibilità energetica”

 L’Amministrazione ha inoltre partecipato ad altri importanti bandi, tra i quali quello del “Piano nazionale delle città”. In questo caso il Comune ha presentato un progetto per la zona sud della città che prevede investimenti per 62 milioni di euro di cui 30 milioni finanziati da Esselunga, 1.335.000 da un contributo della Regione e i restanti 30.665.000 richiesti al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Sono sei gli interventi costitutivi del piano: 

    • La realizzazione di un centro natatorio con una piscina olimpionica, aperto alla città, ma anche a servizio degli studenti della scuola media Raffaello.
    • La costruzione di una nuova scuola in sostituzione all’attuale plesso delle scuole Raffaello.
    • Il completamento del plesso della scuola primaria Roccon Rosso.
    • La realizzazione di fabbricati di edilizia residenziale pubblica (circa 30 alloggi) e di un'area a verde pubblico.
    • La realizzazione di un nuovo parcheggio scambiatore (332 posti auto)
    • La costruzione di un'area commerciale per media struttura di vendita

 

Pari opportunità e contrasto alla violenza sulle donne

Nel 2012 è stato istituito l’ufficio per le pari opportunità con personale completamente dedicato.

Sulla Toponomastica, l’Ufficio del Verde sta predisponendo una mappa di parchi e giardini da sottoporre alla Commissione Toponomastica per la loro intitolazione a donne, seguendo le indicazioni del progetto realizzato dall’assessorato con la collaborazione della Rete 13 febbraio. E’ già all’attenzione della giunta il rinnovo del Protocollo d’intesa con la consigliera di Parità, e stiamo lavorando anche ad una

Convenzione con il Centro Antidiscriminazione della Provincia di Pistoia. Stiamo tessendo rapporti con le esperienze più avanzate in tema di genere: Torino, Napoli, Reggio Emilia. Pensiamo alla organizzazione di un seminario di preparazione alla elaborazione di un Piano Strategico per le Pari Opportunità di Pistoia, all’interno del quale contenere tutti i progetti per una Città di Genere.

 Azioni specifiche di tutela e di contrasto alla violenza sulle donne sono portate avanti anche dal Servizio Politiche sociali. In assenza di una specifica normativa nazionale e prima della recente norma regionale in materia di violenza di genere (Legge Regionale n. 59/2007), gli Enti locali della Zona Pistoiese hanno attribuito priorità politica e amministrativa al contrasto del fenomeno della violenza alle donne, promuovendo la costituzione e coordinando, dal 2002, un “Gruppo di lavoro di contrasto al fenomeno della violenza alle donne” che è stato formalizzato, con atto della Giunta Comunale, nelle sue componenti, finalità e compiti (delibera della Giunta del Comune di Pistoia n. 33 del 10/02/05). Aiutodonna è un servizio rivolto a donne residenti negli undici Comuni dell’Area Pistoiese, che hanno subìto o subiscono violenze, stalking o maltrattamenti fisici, psicologici, economici o sessuali. Aiutodonna e la Rete dei Servizi territoriali offrono: accoglienza telefonica, sostegno psicologico, sociale, medico e legale. Oltre a questo tipo d’intervento, il Servizio si occupa anche di attività di prevenzione che si concretizzano in iniziative di sensibilizzazione e informazione alla cittadinanza e progetti di formazione (nelle scuole superiori dal 2006, elementari e medie dal 2008, ancora in atto) contro gli stereotipi e la violenza di genere.

 





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 11/09/2013 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!